Rapporto IEA-UNEP: sistemi di raffrescamento ecosostenibili potrebbero far risparmiare miliardi di dollari

Secondo quanto contenuto nel Cooling Emissions and Policy Synthesis Report, documento prodotto congiuntamente dal Programma delle Nazioni Unite per l'ambiente (UNEP) e dell'Agenzia Internazionale dell'Energia (IEA), un'azione coordinata a livello internazionale per un sistema di raffrescamento energeticamente efficiente e rispettoso del clima potrebbe evitare fino a 460 miliardi di tonnellate di emissioni di gas a effetto serra - all'incirca pari a otto anni di emissioni globali ai livelli di quelle registrate nel 2018 - nei prossimi quattro decenni.
Secondo il rapporto, riduzioni di emissione CO2 comprese tra 210 e 460 miliardi di tonnellate, potrebbero essere raggiunte nei prossimi quarant’anni attraverso azioni volte a migliorare l'efficienza energetica nel settore del raffrescamento insieme alla transizione verso impianti refrigeranti più rispettosi del clima.
“Le nazioni devono diminuire drasticamente le emissioni di gas a effetto serra per limitare l'aumento della temperatura globale entro questo secolo a 1,5° C. Sistemi di raffrescamento efficienti e rispettosi del clima possono contribuire al raggiungimento degli obiettivi " ha affermato Inger Andersen, direttore esecutivo dell'UNEP.
La relazione sottolinea l'importanza di sistemi di refrigerazione per il mantenimento di comunità sane, vaccini e alimenti freschi; un approvvigionamento energetico stabile ed economie produttive. Tuttavia, la crescente domanda di refrigerazione e raffrescamento ambientale sta contribuendo in modo significativo ai cambiamenti climatici. Questo dipende da emissioni di HFC e di CO2 dovute alla produzione di energia necessaria ad alimentare condizionatori d'aria e altre apparecchiature di raffreddamento, tale energia viene infatti ancora ottenuta prevalentemente dalla combustione di risorse fossili.
“Questo nuovo studio fornisce ai decisori politici spunti preziosi per aiutarli ad affrontare la sfida del raffreddamento globale", ha affermato il dott. Fatih Birol, direttore esecutivo dell'IEA.
In tutto il mondo, sono attualmente in uso, circa 3,6 miliardi di apparecchi per il raffrescamento. Lo studio pubblicato afferma che se il raffreddamento venisse fornito a tutti coloro che ne hanno bisogno - e non solo a quelli che possono permetterselo - ciò richiederebbe fino a 14 miliardi di apparecchi entro il 2050. L'IEA stima che un raddoppio di efficienza energetica per il condizionamento d'aria entro il 2050 ridurrebbe la necessità di 1.300 gigawatt aggiuntivi di energia elettrica destinati a soddisfare il picco della domanda, l'equivalente di tutta la produzione energetica ottenuta dalla combustione di carbone in Cina e India nel 2018. Inoltre, in tutto il mondo, tale raddoppio di efficienza energetica potrebbe consentire di risparmiare fino a 2,9 trilioni di dollari entro il 2050.
Se non bastasse ancora, puntare sull'efficienza energetica anche nel settore della refrigerazione porterebbe molti altri vantaggi, come una migliore qualità dell'aria e una riduzione delle perdite e degli sprechi alimentari, afferma ancora la relazione prodotta.


Stampa