×

Attenzione

Direttiva EU e-Privacy

Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti per il suo normale funzionamento, per elaborazioni statistiche e controllo di qualità, e per fornire le funzionalità di condivisione facoltativa sui social network. Si rende noto che se usi le funzioni che interagiscono con i social network, questi potrebbero tracciare la tua navigazione con i loro cookies. Per avere maggiori informazioni su tutti i cookie utilizzati e su come disabilitarli leggi l’informativa.

Visualizza l'informativa sulla privacy

Hai rifiutato l'utilizzo dei cookie. Questa decisione può essere annullata.

Patuanelli e Confindustria, 50 miliardi l’anno di investimenti fino al 2030 per realizzare la transizione energetica

Il 26 giugno scorso si è svolto l’incontro tra il Ministro dello Sviluppo Economico Stefano Patuanelli e il delegato per l’Energia di Confindustria Aurelio Regina.

Sono stati affrontati temi e questioni relativi all’elaborazione di un piano strategico industriale in linea col cosiddetto Green New Deal europeo. Governo e Confindustria hanno condiviso visioni comuni in tema di politica industriale e sui relativi investimenti da mettere in campo affinché l’Italia sia protagonista nel panorama continentale.

Confindustria ha stimato necessario un investimento di almeno 50 miliardi di euro l’anno fino per tutto il decennio, al fine di onorare gli impegni presi all’interno del PNIEC (Piano Nazionale Integrato Energia e Clima). Tali sforzi finanziari dovrebbero permettere una crescita del PIL pari allo 0,5% per ogni anno e produrre nuovi posti di lavoro da impiegare nella filiera della green economy; secondo le previsioni i nuovi occupati potrebbero ammontare a oltre 5 milioni. Nell’ottica di una transizione carbon free più incisiva, verranno incentivati alcuni settori strategici di produzione energetica quali quelli basati su idrogeno e su fonti rinnovabili.

 


Stampa