Dipartimento Unità per l'Efficienza Energetica
Agrenzia Nazionale Efficienza Energetica

Patto dei Sindaci: da Emilia Romagna fondi ai Comuni per redazione PAESC

Un bando con risorse pari a 112.000 euro per favorire la redazione dei Piani di Azione per il Clima e l’Energia (PAESC) e completare l’adesione dei Comuni dell’Emilia Romagna al nuovo Patto dei Sindaci. E’ questo l’obiettivo dell’iniziativa varata dalla Giunta regionale dell’Emilia Romagna che fa seguito ai due bandi precedenti che hanno coinvolto circa 230 Comuni con una copertura pari a circa l’88% della popolazione regionale. I PAESC sono finalizzati a contrastare i cambiamenti climatici e la povertà energetica e a raggiungere i traguardi europei al 2030 e al 2050.

I Comuni e le Unioni dei Comuni dell’Emilia-Romagna che non hanno ricevuto i finanziamenti relativi agli appositi bandi regionali emessi nel 2019 e nel 2021 potranno inoltrare domanda di partecipazione dall’11 aprile al 20 maggio. Il contributo è proporzionale al numero di abitanti del singolo Comune o dell'Unione di Comuni ed è compreso tra un minimo di 6.000 euro a un massimo di 30.000 euro.

Gli enti locali che aderiscono al nuovo Patto si impegnano a raggiungere gli obiettivi con azioni sviluppate singolarmente sul proprio territorio o collettivamente con azioni congiunte o individuali entro i propri territori. Il Piano deve essere elaborato seguendo i criteri previsti nelle Linee guida pubblicate dal Centro Comune di Ricerca della Commissione europea (CCR), che è l’organismo che controlla e valida i PAESC valutandone la coerenza in rapporto alle Linee guida. Il CCR ha sviluppato il “Modulo PAESC” che costituisce la struttura dei piani di azione e che è necessario compilare online sul sito del Patto.

Il Patto dei Sindaci, che riunisce attualmente più di 7.000 enti locali e regionali in 57 Paesi, è stato lanciato nel 2008 in Europa con l’ambizione di riunire i governi locali impegnati su base volontaria a raggiungere gli obiettivi comunitari in materia di energia pulita e di riduzione delle emissioni di gas serra. Dal 2015, con l’avvio del nuovo Patto dei Sindaci, l’iniziativa si è arricchita delle azioni per il clima, con le città firmatarie impegnate a sostenere l’attuazione degli obiettivi europei al 2030 e al 2050. L’ENEA, a partire dal 2013, è coordinatore nazionale per lo sviluppo dei PAESC.

Il Dipartimento Unità Efficienza Energetica svolge il ruolo di Agenzia Nazionale per l’Efficienza Energetica assegnato ad ENEA ed intende essere il riferimento nazionale in tema di efficienza energetica nei confronti della pubblica amministrazione, dei cittadini, delle imprese e del territorio, rendendo disponibili metodologie e soluzioni innovative e attività di supporto tecnico-scientifico per l’uso efficiente dell’energia, la riduzione dei consumi energetici e l’ottimizzazione dei processi, con forte attenzione alla qualità e alla responsabilità sociale

Image
feedback