×

Attenzione

Direttiva EU e-Privacy

Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti per il suo normale funzionamento, per elaborazioni statistiche e controllo di qualità, e per fornire le funzionalità di condivisione facoltativa sui social network. Si rende noto che se usi le funzioni che interagiscono con i social network, questi potrebbero tracciare la tua navigazione con i loro cookies. Per avere maggiori informazioni su tutti i cookie utilizzati e su come disabilitarli leggi l’informativa.

Visualizza l'informativa sulla privacy

Hai rifiutato l'utilizzo dei cookie. Questa decisione può essere annullata.

Il MISE definisce le tariffe incentivanti l’autoconsumo e la creazione di comunità energetiche da fonti rinnovabili

Firmato, dal Ministro Patuanelli, il decreto attuativo che definisce l’entità della tariffa con la quale si incentiva la promozione dell'autoconsumo collettivo e le comunità energetiche da fonti rinnovabili.
Il tutto nell’ottica di favorire la transizione energetica ed ecologica del sistema elettrico nel nostro Paese.
Con grande soddisfazione ho firmato oggi il decreto che introduce un incentivo a sostegno delle comunità energetiche e dell'autoconsumo”, dichiara il Ministro dello Sviluppo Economico. “Si tratta di una svolta importante - aggiunge - che consentirà di sviluppare ulteriormente nel nostro Paese la produzione di energia da fonti rinnovabili, permettendo al contempo ai cittadini, alle PMI, agli enti locali di consumare l’energia che producono”.
Il provvedimento consente la realizzazione dell’autoconsumo collettivo per gruppi familiari residenti nello stesso edificio oltre alla creazione di comunità energetiche a cui possono partecipare soggetti fisici e giuridici con sede in un perimetro più ampio.
Le tariffe sono sinteticamente così suddivise e definite:
• 100 €/MWh per le configurazioni di autoconsumo collettivo;
• 110 €/MWh per le comunità energetiche rinnovabili
L'incentivo vale per un periodo di 20 anni ed è gestito dal Gestore dei Servizi Energetici (GSE), è inoltre cumulabile con il Superbonus al 110% nei limiti previsti dalla legge.


Stampa