×

Attenzione

Direttiva EU e-Privacy

Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti per il suo normale funzionamento, per elaborazioni statistiche e controllo di qualità, e per fornire le funzionalità di condivisione facoltativa sui social network. Si rende noto che se usi le funzioni che interagiscono con i social network, questi potrebbero tracciare la tua navigazione con i loro cookies. Per avere maggiori informazioni su tutti i cookie utilizzati e su come disabilitarli leggi l’informativa.

Visualizza l'informativa sulla privacy

Hai rifiutato l'utilizzo dei cookie. Questa decisione può essere annullata.

Green New Deal: la Commissione Europea approva il piano d’investimenti per l’ambiente

L’Unione Europea s’impegna a diventare, entro il 2050, il primo continente a impatto climatico zero. Tale sforzo poggia su un budget finanziario di mille miliardi di euro che in 10 anni verranno resi disponibili per il cosiddetto European Green Deal's Investment Plan, presentato lo scorso 14 gennaio, piano che prevede di promuovere investimenti pubblici e privati. In particolare, il Green Deal europeo prevede un percorso per una transizione giusta e socialmente equa. È concepito in modo da non lasciare indietro nessun individuo e nessuna regione in questa grande trasformazione.

Le persone sono al centro del Green Deal europeo, la nostra ambizione è quella di rendere l'Europa intera climaticamente neutra entro il 2050. La trasformazione che ci attende non ha precedenti. Essa, però, funzionerà solo si svilupperà equamente in tutti paesi membri. Sosterremo la nostra gente e soprattutto le nostre regioni che devono compiere gli sforzi maggiori in questa trasformazione senza lasciare indietro nessuno. Il Green Deal comporta importanti investimenti economici, che sapremo trasformare in opportunità. Il piano che presentiamo oggi e che mobilita almeno mille miliardi di euro, promuoverà un'ondata di investimenti verso risorse energetiche verdi”, così si è espressa il Presidente della Commissione Europea, Ursula Von der Leyen.

Image

Stampa