×

Attenzione

Direttiva EU e-Privacy

Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti per il suo normale funzionamento, per elaborazioni statistiche e controllo di qualità, e per fornire le funzionalità di condivisione facoltativa sui social network. Si rende noto che se usi le funzioni che interagiscono con i social network, questi potrebbero tracciare la tua navigazione con i loro cookies. Per avere maggiori informazioni su tutti i cookie utilizzati e su come disabilitarli leggi l’informativa.

Visualizza l'informativa sulla privacy

Hai rifiutato l'utilizzo dei cookie. Questa decisione può essere annullata.

Green Deal europeo: la Direzione Generale Energia della Commissione europea dà il via a dialoghi on line con le parti nazionali interessate

La Direzione Generale dell'Energia sta organizzando - insieme alle rappresentanze nazionali della Commissione europea nei paesi dell'UE - una serie di dialoghi online con le parti interessate per discutere del Green Deal europeo e più specificamente su come la politica energetica può contribuire al raggiungimento di un'Europa climaticamente neutra entro il 2050. Questi dialoghi offriranno l'opportunità alle parti interessate nazionali del settore energetico e della società civile di confrontarsi con i rappresentanti della Commissione su argomenti rilevanti per il prossimo "pacchetto fit for 55", il pacchetto di misure con cui la Commissione Ue intende centrare l’obiettivo di riduzione delle emissioni di gas serra di almeno il 55% entro il 2030. Il pacchetto copre un'ampia gamma di tematiche tra cui efficienza energetica, energie rinnovabili, prestazione energetica degli edifici e altro ancora.
Il primo della serie di dialoghi si è svolto a Stoccolma, in Svezia, il 20 maggio 2021 con il capo della rappresentanza Christian Danielsson e il capo della comunicazione presso la DG Energia a Bruxelles, Pierre Schellekens, in qualità di relatori. L'evento si è concentrato su come la revisione delle direttive sulle energie rinnovabili e sull'efficienza energetica potrebbe contribuire al nuovo obiettivo climatico dell'UE di ridurre le emissioni del 55%. I partecipanti (circa 20) provenienti da tutti i settori dell'economia svedese, si sono dimostrati generalmente favorevoli a un livello più elevato di ambizione dell'UE, ma hanno sollevato preoccupazioni in particolare sulla biomassa e sull'energia idroelettrica.
Quattro eventi simili sono in programma a giugno e luglio, in Germania, Bulgaria, Polonia e Slovenia. Una successiva serie di dialoghi - in altri paesi europei - è prevista nell'autunno 2021


Stampa