×

Attenzione

Direttiva EU e-Privacy

Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti per il suo normale funzionamento, per elaborazioni statistiche e controllo di qualità, e per fornire le funzionalità di condivisione facoltativa sui social network. Si rende noto che se usi le funzioni che interagiscono con i social network, questi potrebbero tracciare la tua navigazione con i loro cookies. Per avere maggiori informazioni su tutti i cookie utilizzati e su come disabilitarli leggi l’informativa.

Visualizza l'informativa sulla privacy

Hai rifiutato l'utilizzo dei cookie. Questa decisione può essere annullata.

Efficienza energetica e ristrutturazione edilizia: il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti chiarisce alcuni contenuti del Decreto “SEMPLIFICAZIONI”

Emanata dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti una circolare sulle nuove definizioni riguardanti la ristrutturazione edilizia e la distanza da osservare tra gli edifici, come descritto dall’ art.10 del decreto-legge 76/2020 (più noto come DL Semplificazioni).
Nel caso specifico delle ristrutturazioni edilizie, il DL ha ampliato la categoria, includendo anche ricostruzioni a seguito di interventi demolitori, le quali possono anche arrecare modifiche alla struttura degli edifici preesistenti. In questi casi, infatti, non sarà più necessario richiedere le autorizzazioni di costruzione qualora nel progetto vengano inclusi interventi di efficientamento energetico, oltre a facilitazioni per l’accessibilità degli edifici e le misure antisismiche previste dalla normativa vigente. Sarà altresì possibile aumentare la volumetria, se ciò si rivelerà funzionale alla rigenerazione urbana.
L’altra importante novità riguarda la deroga alle norme sulle distanze per gli interventi di ricostruzione o demolizione, deroga oggi consentita purché gli edifici originari siano stati legittimamente realizzati nonostante il mancato rispetto delle distanze previste.


Stampa