FAQ - BONUS CASA

Risposte alle domande più frequenti

Risposte alle domande più frequenti

BONUS CASA   - INTERVENTI DI RISPARMIO ENERGETICO E UTILIZZO DI FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE CHE USUFRUISCONO DELLE DETRAZIONI FISCALI DEL 50% PREVISTE PER LE RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE - EX ART. 16 BIS DEL DPR 917 /86

A. QUESlTl SULLA PROCEDURA DI TRASMISSIONE

1.A Attraverso quale sito WEB vanno trasmessi ad ENEA i dati degli interventi di efficienza energetica che accedono alle detrazioni fiscali “Bonus Casa” con data di fine lavori a partire dal 2018?

Le indicazioni sono riportate nella parte sinistra della pagina WEB https://detrazionifiscali.enea.it.

Nella parte destra della stessa pagina WEB ci sono anche i riferimenti per la trasmissione dei dati degli interventi di riqualificazione energetica che usufruiscono delle detrazioni fiscali del 50%, 65%, 70%, 75%, 80%, 85%, ex legge 296/2006.

Le due misure sono alternative tra loro. Si precisa che per gli interventi che possono usufruire di entrambe le detrazioni fiscali (ad esempio sostituzione dei generatori di calore con caldaie a condensazione, sostituzione degli impianti di climatizzazione con pompe di calore, sostituzione degli infissi), il beneficiario deve scegliere la misura, nel rispetto delle prescrizioni, delle condizioni, delle procedure e delle documentazioni richieste.

B. QUESITI SULL'INDIVIDUAZIONE DEGLI INTERVENTI SOGGETTI ALL'OBBLIGO DI COMUNICAZIONE

1.B Quali sono gli interventi che accedono al “Bonus Casa” per i quali è necessario inviare la comunicazione ad ENEA?

Gli interventi, soggetti all'obbligo dell'invio ad ENEA della comunicazione sono elencati nella Guida Rapida scaricabile dal sito WEB https://detrazionifiscali.enea.it e dal link: Bonus casa - Guida Rapida ENEA

C. QUESITI SUGLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI

1.C Per gli impianti fotovoltaici che accedono alle detrazioni fiscali del “Bonus Casa” (lettera h, dell’art. 16 bis del DPR 917/86), è necessario trasmettere anche i dati degli eventuali sistemi di accumulo di energia elettrica a servizio degli stessi impianti?

No, per gli interventi con data di fine lavori entro il 31/12/2018.
Sì, per gli interventi con data di fine lavori a partire dal 01/01/2019

D. QUESITI SULLE POMPE DI CALORE

1.D Ai sensi dell’art. 16 bis del DPR 917/86 (Bonus Casa) è ammessa la nuova installazione di una pompa di calore? E se sì, quali sono i dati da trasmettere?

Devono essere inviati i dati relativi alla pompa di calore anche quando questa si configuri come “nuova installazione" in un edificio esistente o integrazione dell’impianto esistente, poiché la funzione di pompa di calore comporta utilizzo di fonti rinnovabili di energia. Nella Scheda Descrittiva in caso di “nuova installazione”, nel menu a tendina relativo al generatore sostituito si può selezionare la voce “nessuno” oppure si lascia il campo in bianco.

E. QUESITI SU SERRAMENTI, PORTE, PERSIANE E TAPPARELLE

1.E Se si sostituiscono gli infissi (serramenti), si esegue un intervento di coibentazione dell’involucro o un qualsiasi intervento di efficienza energetica, per accedere alle detrazioni fiscali previste per le ristrutturazioni edilizie (50%) “Bonus Casa”, quali sono i requisiti tecnici da rispettare? Sono differenti rispetto a quelli previsti per l’accesso alle detrazioni fiscali per la riqualificazione energetica?

I requisiti tecnici da rispettare sono quelli previsti dal decreto 26/06/2015 “Requisiti Minimi” (SO n. 39 alla GU n. 162 del 15/07/2015) o dalla legge regionale sostitutiva e riguardano sia l’involucro che gli impianti. Questi requisiti differiscono e sono, generalmente, meno stringenti rispetto a quelli previsti per accedere alle detrazioni fiscali per la riqualificazione energetica ai sensi della legge 296/2006 e successive modificazioni. Per questi ultimi requisiti si vedano il decreto 11/03/2008 come modificato dal decreto 14 marzo 2010 e dal decreto 19 febbraio 2007 e successive modificazioni, entrambi, scaricabili dal sito.

F. QUESITI SUGLI ELETTRODOMESTICl

1.F Dove si trovano i dati di potenza elettrica dell’elettrodomestico? E’ obbligatorio indicare la classe energetica dell’elettrodomestico?

Il valore della potenza elettrica assorbita dall’elettrodomestico è riportata, in genere, nella scheda tecnica dello specifico prodotto o nel libretto di istruzioni o sulla targhetta attaccata all’apparecchio. Si precisa infine che la compilazione del campo relativo alla potenza elettrica assorbita è facoltativa. La classe energetica dell’elettrodomestico è obbligatoria per frigoriferi, congelatori, lavasciuga, asciugatrici e lavatrici; è, invece, facoltativa per forni e piani cottura.

G. QUESITI SULLE VALVOLE TERMOSTATICHE E I SISTEMI DI CONTABILIZZAZIONE

1.G Nell’intervento di sostituzione del generatore di calore esistente con caldaia a condensazione, le valvole termostatiche sono obbligatorie per poter usufruire del Bonus Casa?

L’intervento di sostituzione del generatore di calore deve essere realizzato nel rispetto della normativa tecnica vigente, ovvero in riferimento al Decreto “Requisiti Minimi” del 26 giugno 2015. In particolare, si cita quanto riportato nell’Allegato 1, par. 5.3.1 - lett. b, del suddetto decreto: “nel caso di nuova installazione di impianti termici di climatizzazione invernale in edifici esistenti, o ristrutturazione dei medesimi impianti o di sostituzione dei generatori di calore, compresi gli impianti a sistemi ibridi, si applica quanto previsto di seguito: [...] b) installazione di sistemi di regolazione per singolo ambiente o per singola unità immobiliare, assistita da compensazione climatica.” La mancata installazione delle valvole termostatiche in un impianto a radiatori sminuisce la maggiore efficienza della caldaia a condensazione, in quanto non si creeranno quasi mai le condizioni per fare avvenire la condensazione del vapore d’acqua presente nei fumi.

H. QUESITI DI NATURA FISCALE

1.H Le detrazioni fiscali “Bonus Casa” sono prorogate dalla Legge di Bilancio con la stessa aliquota del 50%?

Sì, la Legge di Bilancio 2019 (Supplemento Ordinario n. 302 alla Gazzetta Ufficiale del 31 dicembre 2018, L. n.145/18) ha prorogato fino la 31/12/2019 le detrazioni fiscali “Bonus Casa” con l’aliquota del 50%.

I. QUESITI SUL CALCOLO DEGLI IMPORTI MASSIMI DETRAIBILI

1.I Nel caso di un intervento di riqualificazione su un certo numero di unità immobiliari che comporta il frazionamento, creando quindi più unità immobiliari e senza ampliamenti volumetrici, come si procede per le detrazioni fiscali? Quante unità immobiliari si devono inserire? E come si calcolano gli importi massimi detraibili?

Il calcolo dell’importo massimo detraibile si ottiene considerando il numero delle unità immobiliari presenti prima dell’intervento ovvero prima dell’inizio dei lavori. La documentazione finale da inviare ad ENEA dovrà rispecchiare la situazione catastale post- intervento.

Si deve compilare e trasmettere, in generale, una scheda per ciascuna unità immobiliare per gli interventi che riguardano le singole unità immobiliari.

Si compilerà una sola scheda, per gli interventi che riguardano le parti comuni di un edificio.


Stampa