Rapporto IEA “World Energy Investments 2020”: gli investimenti energetici globali aumenteranno di nuovo nel 2021 ma rimangono lontani da un percorso verso le emissioni nette zero

L'Agenzia Internazionale per l’Energia (IEA) il 2 giugno scorso ha pubblicato il nuovo rapporto “World Energy Investment 2021”. L'edizione di quest'anno presenta gli ultimi dati e analisi su come i flussi di investimenti energetici si stanno riprendendo dallo shock della pandemia di Covid-19, comprese le stime per l'intero anno delle prospettive per il 2021. Esamina come gli investitori stanno valutando i rischi e opportunità in tutti i settori della fornitura di carburante ed elettricità, dell'efficienza e della ricerca e sviluppo, in un contesto di ripresa della domanda globale di energia e di impegni rafforzati da parte dei governi e del settore privato per affrontare il cambiamento climatico. Il rapporto si concentra su due questioni chiave: se il crescente slancio tra i governi e gli investitori per accelerare le transizioni verso l'energia pulita si sta traducendo in un effettivo aumento delle spese in conto capitale per progetti di energia pulita; e se la risposta degli investimenti energetici alla crisi economica causata dalla pandemia di Covid-19 sarà su vasta scala o se alcuni settori, aree geografiche e parti vulnerabili della popolazione mondiale rimarranno indietro.
Nel 2021- sottolinea il Rapporto - aumenteranno di nuovo gli investimenti globali in energia dopo la riduzione dello scorso anno: gli investimenti dovrebbero essere pari a 1,9 trilioni di dollari con un rimbalzo del 10%, invertendo la maggior parte del calo dello scorso anno, tuttavia per raggiungere gli obiettivi climatici a lungo termine la spesa per le transizioni verso l'energia pulita deve accelerare molto più rapidamente. Gli investimenti nel settore energetico globale sono destinati ad aumentare di circa il 5% nel 2021 a oltre 820 miliardi di dollari, il livello più alto di sempre, dopo essere rimasti invariati nel 2020. Le energie rinnovabili stanno dominando gli investimenti in nuova capacità di generazione di energia e si prevede che rappresenteranno il 70% del totale di quest'anno.
"Il rimbalzo degli investimenti energetici è un segnale positivo e sono incoraggiato a vederne confluire di più verso le energie rinnovabili”, ha affermato Fatih Birol, direttore esecutivo dell'IEA. "Ma risorse molto maggiori devono essere mobilitate e indirizzate verso tecnologie energetiche pulite per mettere il mondo sulla buona strada per raggiungere le emissioni nette zero entro il 2050. Sulla base della nostra nuova tabella di marcia Net Zero, gli investimenti in energia pulita dovranno triplicare entro il 2030". Mentre le energie rinnovabili dominano i nuovi investimenti energetici e le approvazioni per gli impianti a carbone sono inferiori di circa l'80% rispetto a cinque anni fa, il carbone non è fuori dal quadro. C'è stato anche un leggero aumento dei via libera per gli impianti a carbone nel 2020, guidato dalla Cina e da alcune altre economie asiatiche.

L'influenza dei pacchetti di risanamento e delle nuove misure di politica climatica si manifesta nelle aspettative di aumento della spesa nel 2021 per l'energia rinnovabile, le reti elettriche, l'efficienza energetica - in particolare nel settore edilizio in Europa - e le tecnologie emergenti come la cattura, l'utilizzo e lo stoccaggio dell’anidride carbonica e l’idrogeno a basso tenore di carbonio. Gli Stati Uniti potrebbero dare ulteriore slancio se il piano infrastrutturale proposto dall'amministrazione del presidente Joe Biden verrà attuato. Anche i mercati finanziari stanno fornendo segnali incoraggianti per gli investimenti in energia pulita. I 750 miliardi di dollari previsti da spendere per le tecnologie energetiche pulite e l'efficienza nel 2021 sono incoraggianti, ma rimangono molto al di sotto di quanto necessario per portare il sistema energetico su un percorso sostenibile. Gli investimenti in energia pulita dovrebbero triplicare negli anni 2020 per mettere il mondo sulla buona strada per raggiungere le emissioni nette zero entro il 2050, mantenendo così la porta aperta per una stabilizzazione di 1,5 °C dell'aumento delle temperature globali. Il divario tra le tendenze odierne degli investimenti e le esigenze degli scenari guidati dal clima è particolarmente ampio nei mercati emergenti e nelle economie in via di sviluppo. Questo elemento sta emergendo come una questione critica nella transizione all'energia pulita in vista della cruciale riunione della COP26 a Glasgow alla fine di quest'anno.


Stampa