LIGHTNESS. Un nuovo progetto finanziato dall’Unione Europea coinvolge i cittadini nella transizione energetica. ENEA fra i principali partner

- Il Progetto LIGHTNESS contribuisce ad una transizione energetica pulita ed equa con la creazione e il supporto di Comunità Energetiche di Cittadini.
- I cittadini sono il fulcro di questo nuovo modello energetico, potendo produrre, consumare e vendere la propria energia rinnovabile a un prezzo equo.
- Il progetto vede lo sforzo congiunto di 13 organizzazioni partner dislocati in 8 Paesi Membri e 7 siti pilota.
In tutta l’Europa, i cittadini chiedono sempre più risposte sui temi dell’inquinamento, il cambiamento climatico e sugli aumenti dei costi dell’energia elettrica. Questo progetto europeo innovativo mette realmente i cittadini al centro della soluzione proposta e promette di portare benefici sia alle persone che al pianeta.
Questa proposta è cruciale all’interno dello sforzo dell’Europa per la decarbonizzazione dell’economia e per il passaggio a un modello energetico più sostenibile, nel rispondere ai bisogni sociali alleviando allo stesso tempo la povertà energetica.
Le Comunità Energetiche di Cittadini sono definite dalla Commissione Europea come soggetti giuridici, composti da cittadini, associazioni, cooperative, autorità locali ed imprese che fanno squadra per partecipare al sistema elettrico. Il progetto LIGHTNESS ascolterà i bisogni locali dei residenti per progettare insieme soluzioni volte a migliorare l’efficienza energetica all’interno delle comunità.
Nel corso del progetto, le persone potranno valutare i vantaggi ottenibili grazie agli investimenti in tecnologie energetiche rinnovabili sugli edifici e potranno massimizzare i benefici tramite lo scambio dell’energia prodotta all’interno della comunità e la riduzione ottenuta delle emissioni di CO2.
“Questo è un progetto innovativo, finanziato dalla Commissione Europea, che unisce gli strumenti tecnologici di ultima generazione per il monitoraggio dell’efficienza energetica, agli aspetti umani del coinvolgimento dei cittadini rafforzando le loro competenze e capacità” - Juan Espeche, Lightness Project Coordinator, R2M Solution.
Dal punto di vista tecnologico, il progetto prevede lo sviluppo di due strumenti IT che fungano da supporto alla diffusione delle comunità energetiche, e che costituiscono il cuore pulsante dell’approccio proposto da LIGHTNESS. Il “CEC assessment and evaluation tool”, sviluppato dai partner irlandesi di IESVE, è uno strumento di progettazione integrato che permetterà di valutare differenti scenari di implementazione delle comunità energetiche e di fornire stime precise e puntuali sui benefici economici, ambientali e sociali. La “CEC Platform” invece, sviluppata dai partner polacchi di ILECO, è invece pensata per la gestione in tempo reale delle comunità energetiche una volta attivate: fornendo servizi che vanno dai consigli su come piccole azioni quotidiane possano massimizzare i benefici per la comunità energetica, fino al punto di ottimizzare attivamente il sistema in presenza, ad esempio, di sistemi di accumulo (batterie, ecc.).
Questa nuova cultura energetica avrà inizio in sette comunità pilota in differenti zone climatiche, in contesti giuridici e finanziari eterogenei, in mercati e consapevolezze ambientali dei cittadini molto diversi tra loro.
Le soluzioni proposte da Lightness potranno così essere applicate a contesti differenti : 285 appartamenti in 19 edifici residenziali a WroclaW, Polonia; 300 abitazioni residenziali a Woerden, Paesi Bassi; 20 edifici in un parco commerciale in Savoie Technolac, Francia; un condominio intelligente composto da 8 unità abitative a Cagliari, Italia; 15-30 abitazioni ad Alginet, Spagna, con un crescente potenziale di diffusione all’interno della comunità locale grazie alla cooperativa energetica Alginet.
LIGHTNESS coinvolgerà complessivamente più di 500 abitazioni e 30 edifici commerciali, con un potenziale stimato di raggiungere oltre 70 mila persone.
Per garantire che le soluzioni tecnologiche siano coerenti con le condizioni socio-economico nelle quali saranno testate e per garantire la replicabilità e la scalabilità delle soluzioni proposte il Progetto analizzerà anche il contesto nel quale le comunità energetiche si svilupperanno attraverso:
- Analisi delle principali barriere nei diversi contesti nazioni alla diffusione delle comunità;
- Analisi del quadro normativo sulle comunità energetiche;
- Analisi dei servizi energetici innovativi e per la flessibilità;
- Valutazione degli strumenti finanziari a disposizione delle comunità;
- Valutazione delle motivazioni e dei bisogni degli stakeholder coinvolti nelle comunità, con un focus specifico sui cittadini quali protagonisti della transizione energetica.
Questa analisi di contesto fornirà le basi per la redazione di linee guida per l’avanzamento delle legislazioni nazionali dei paesi partecipanti, con l’obiettivo di fornire agli stati membri raccomandazioni sulla definizione dei servizi di flessibilità, sugli schemi e i meccanismi di finanziamento e sulle azioni di formazione e informazione da intraprendere per coinvolgere i cittadini nel processo di creazione delle comunità energetiche.
Le Comunità energetiche di Cittadini ambiscono a diventare il nuovo ed essenziale tassello nella transizione ecologica europea. Il valore aggiunto di LIGHTNESS è proprio la reale partecipazione attiva dei cittadini in tutto il processo di transizione. In questo modo si auspica di rendere i cittadini europei finalmente autonomi nel settore energetico, come da loro stessi richiesto da tempo, e di realizzare una necessaria, ora più che mai, giustizia energetica, unitamente all’impegno per l’ambiente e ai risparmi economici.
Questo progetto è stato finanziato dal Programma di Ricerca e Innovazione Horizon 2020 dell’Unione Europea con il grant agreement Nr. 953020. Il Programma Horizon 2020 enfatizza l’eccellenza nella scienza, la leadership industriale e affronta le sfide sociali quali il cambiamento climatico e una transizione energetica equa.

CONTATTI

FB

TWITTER

LINKEDIN

INSTAGRAM

 

Responsabile Scientifico per ENEA: Francesco Baldi, Dipartimento Unità Efficienza Energetica,


Stampa