La Commissione europea sprona i paesi membri a “sfruttare al massimo” i fondi per interventi di efficienza energetica

La Commissaria europea per l’Energia, Kadri Simson giovedì 22 aprile - durante una conferenza stampa congiunta con il Ministro dell'Ambiente portoghese João Pedro Matos Fernandes, che si è svolta dopo un consiglio informale dei Ministri dell'Energia - ha raccomandato ai paesi membri investimenti in efficienza energetica attraverso il ricorso all’epocale finanziamento UE di 1,8 trilioni di euro e al recovery fund.
Come riporta la testata EURACTIV: “È il momento di approfittare dello storico budget messo a disposizione dall'Unione Europea e del recovery package per investire nell'efficienza energetica", ha affermato Kadri Simson.
"Sono lieta che l'efficienza energetica sia ben rappresentata nelle bozze dei Piani di Ripresa e Resilienza degli Stati membri. Come ho sottolineato ai ministri, questo deve rimanere un punto fermo nei piani finali di tutta l'UE", ha dichiarato la Simson, aggiungendo che "migliaia di progetti vedranno la luce grazie ai piani di ripresa".
Evidenziando come "gli edifici rappresentino il 40% del consumo energetico totale" nell'UE, la Commissaria ha poi sottolineato qunto l'iniziativa "Renovation Wave", che mira alla riqualificazione degli edifici in Europa, possa "contribuire in modo significativo al raggiungimento" degli obiettivi climatici dell'UE per il 2030.
Mercoledì scorso, attraverso negoziati tra il parlamento europeo e i paesi membri dell'Unione è stato raggiunto un accordo per ridurre le emissioni di gas a effetto serra del 55% entro il 2030 come parte dell’accordo più ampio sulla legge europea sul clima.
Tuttavia la sfida per la maggior parte dei paesi è complessa. Migliaia di edifici devono ridurre il proprio consumo energetico", ha detto ancora la Simson, mostrando il proprio "incoraggiamento" alla "determinazione mostrata dai ministri" verso gli obiettivi di efficienza energetica.
Affinché l'UE possa diventare carbon free entro il 2050, è necessario "un mix tra un forte impegno e misure normative", ha aggiunto.
La commissaria ha accolto con entusiasmo gli impegni del governo portoghese per "aver presentato oggi il primo Piano ufficiale di Ripresa e Resilienza" e ha affermato di sperare che "altri paesi lo facciano presto".
Nel febbraio di quest'anno il Consiglio Ue ha adottato il regolamento che istituisce il “Meccanismo per la Ripresa e la Resilienza” (Recovery and Resilience Mechanism), principale strumento del fondo per dar sostegno all’economia duramente colpita dalla crisi provocata dalla pandemia Covid-19.


Stampa