×

Attenzione

Direttiva EU e-Privacy

Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti per il suo normale funzionamento, per elaborazioni statistiche e controllo di qualità, e per fornire le funzionalità di condivisione facoltativa sui social network. Si rende noto che se usi le funzioni che interagiscono con i social network, questi potrebbero tracciare la tua navigazione con i loro cookies. Per avere maggiori informazioni su tutti i cookie utilizzati e su come disabilitarli leggi l’informativa.

Visualizza l'informativa sulla privacy

Hai rifiutato l'utilizzo dei cookie. Questa decisione può essere annullata.

GSE, ONLINE IL RAPPORTO STATISTICO SU ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI IN ITALIA

Il Gestore dei Servizi Energetici (GSE) ha pubblicato online il Rapporto Energia da fonti rinnovabili in Italia - 2019. All’interno - come ogni anno - un quadro statistico completo sulla diffusione e sugli impieghi delle fonti rinnovabili di energia (FER) in Italia.
Nel 2019 le FER sono state impiegate in maniera diffusa sia nel settore Elettrico (hanno coperto quasi il 40% della produzione lorda di energia), sia in quello Termico (20% circa), sia infine nel settore Trasporti (la relativa quota FER, monitorata ai fini del target settoriale al 2020, è pari al 9%).
Complessivamente i consumi energetici coperti dalle FER nel 2019 raggiungono il 18,2%. Si conferma dunque la tendenza già registrata negli ultimi 6 anni che supera il target previsto per il 2020 e fissato per l'Italia dalla Direttiva 2009/28/CE al 17%.
Il rapporto, oltre ai dati relativi al 2019, include una prima stima approssimativa sul 2020. Nello specifico si stima che i consumi finali lordi (CFL) da FER, nel 2020, si siano attestati intorno a 21,5 Mtep (-0,3 Mtep rispetto al 2019), mentre quelli complessivi intorno a 108 Mtep (-13 Mtep circa rispetto al 2019). Sulla base di tali dati iniziali è verosimile che la quota FER sui CFL complessivi, calcolata applicando i criteri della Direttiva 28/2009/CE, sia valutabile intorno al 20%. L'emergenza Covid-19, riducendo i consumi finali lordi complessivi in misura più che proporzionale rispetto ai consumi finali lordi da FER, ha dunque, verosimilmente, amplificato il margine di superamento del target europeo. La stessa tendenza sembra registrarsi anche per il settore dei trasporti, nello specifico, nel 2020, i livelli dovrebbero superare il target del 10% fissato dalla Direttiva 2009/28/CE per lo stesso anno.


Stampa