Energy Performance Contract (EPC)

Per contratto EPC (Energy Performance Contract o contratto di prestazione energetica) si intende, in accordo alla definizione data dal Decreto Legislativo 102/2014un accordo contrattuale tra il beneficiario o chi per esso esercita il potere negoziale e il fornitore di una misura di miglioramento dell’efficienza energetica, verificata e monitorata durante l’intera durata del contratto, dove gli investimenti (lavori, forniture o servizi) realizzati sono pagati in funzione del livello di miglioramento dell’efficienza energetica stabilito contrattualmente o di altri criteri di prestazione energetica concordati, quali i risparmi finanziari”. Questa specifica tipologia contrattuale nell’ambito degli interventi di efficienza energetica -applicabile sia nel settore pubblico che nel settore privato - si sta progressivamente diffondendo in Europa con risultati promettenti.
Nel contratto EPC l’attuazione e la gestione di misure per ridurre i consumi energetici di norma è affidata a una società di servizi energetici (ESCo). La peculiarità del contratto consiste nella possibilità di riqualificare energeticamente edifici/impianti, per conseguire nel tempo una migliore prestazione energetica e dunque un successivo risparmio; risparmio che, per la durata contrattuale, sarà utilizzato dalla ESCo (denominata fornitore) per remunerare gli investimenti effettuati. In altri termini l’EPC affida alla ESCo l’onere degli investimenti (lavori, servizi, forniture) necessari per la riqualificazione degli edifici/impianti, che saranno recuperati dal livello di risparmio energetico stabilito contrattualmente, con il vantaggio per il cliente (denominato beneficiario) di non avere alcuna spesa di investimento iniziale e di ripagare la riqualificazione alla ESCo con tutti i risparmi contrattualmente negoziati o con una parte di essi.


Stampa