Unione Europea: dal 2021 via alle nuove etichette di efficienza energetica

pubblicato il 1 aprile 2019
Unione Europea: dal 2021 via alle nuove etichette di efficienza energetica

Importanti novità per le etichette di efficienza energetica. La Commissione europea, infatti, a marzo 2019 ha adottato il formato e l'aspetto definitivo delle nuove etichette di efficienza energetica per sei gruppi di prodotti: lavastoviglie; lavatrici e lavasciuga biancheria; frigoriferi, compresi i frigoriferi cantina; lampade; display elettronici, compresi i televisori, i monitor e i pannelli segnaletici digitali; frigoriferi commerciali nei negozi e con funzione di vendita diretta, categoria che sinora non aveva alcuna etichetta energetica.
Introdotta nell’Ue nel 1995, l’etichetta energetica è entrata con successo nelle abitudini dei cittadini e consumatori europei che, secondo la Commissione, nell’85% dei casi la riconoscono e se ne servono nelle decisioni d’acquisto. Inoltre, l’etichetta energetica ha dato una spinta allo sviluppo innovativo dell'industria e alla concorrenza, favorendo l'immissione sul mercato di nuovi prodotti in classi energetiche via via superiori fino ad arrivare alle più alte (A + + +, A + +, A +) e di fatto facendo scomparire, oggi, i prodotti con classi energetiche più basse. Proprio al fine di agevolare la comprensione e il confronto tra i prodotti, l'Ue ha deciso che le etichette energetiche in futuro conterranno solo una scala da A a G, con un processo di riscalaggio delle etichette esistenti.
Ora spetta al Parlamento europeo e al Consiglio dell’Ue prendere in esame la proposta di nuove etichette energetiche presentata dalla Commissione Ue e presentare eventuali obiezioni entro due mesi. In assenza di queste ultime, i testi saranno pubblicati nella Gazzetta Ufficiale dell'Unione europea e le nuove etichette saranno diffuse nei negozi e online in tutta Europa a partire dal 1º marzo 2021, accompagnate da una campagna d'informazione europea.

Per maggiori informazioni 

Leggi la notizia completa 

Scheda informativa della Commissione europea