Sistemi di accumulo, Rse: una soluzione “adolescente”

Sistemi di accumulo, Rse: una soluzione “adolescente”

(Staffetta Quotidiana) - La presentazione del Libro bianco al Gse: non sostenibili con gli attuali meccanismi di mercato, in particolare per contesti industriali e utenti fotovoltaici. La soluzione dell'accumulo condiviso È stato presentato questa mattina a Roma, nell'Auditorium Gse, il Libro Bianco sui sistemi di accumulo realizzato da Anie Energia e Rse con i contributi di Enel Produzione, Enel Green Power e Politecnico di Milano. Obiettivo del lavoro, si legge in una nota, evidenziare le opportunità che l'installazione di sistemi di accumulo elettrochimico è in grado di offrire agli operatori e al sistema elettrico. Il volume segue e aggiorna la prima edizione del 2015 (v. Staffetta 27/03/15), rappresentandone un'evoluzione, resasi necessaria per stare al passo con lo sviluppo tecnologico che questi sistemi hanno conosciuto e con la progressiva dinamica di riduzione dei costi. Secondo il comunicato di Rse, l'affermazione dell'accumulo elettrochimico come risposta alle richieste di sicurezza ed efficienza che l'evoluzione del sistema elettrico impone “è ormai prossima. Una tecnologia – prosegue il comunicato – che può essere determinante nel garantire stabilità, gestione ottimale dei parametri di rete e flessibilità in un sistema caratterizzato sempre più dalla presenza di soggetto che sono sia produttori sia consumatori, i cosiddetti prosumers”. “Lo sviluppo di reti intelligenti dotate di un elevato contenuto tecnologico – ha detto Matteo Marini, vice presidente Anie e presidente di Anie Energia – capaci di garantire con efficienza l'organizzazione dei flussi di energia, è un tema prioritario ed improrogabile. All'interno di queste smart grid, fortemente caratterizzate dalla presenza di fonti rinnovabili, efficienza energetica e sostenibilità del sistema, quello dell'accumulo è una grande opportunità, sia dal punto di vista economico che ambientale e sociale. L'industria italiana sta investendo molto su questo e siamo particolarmente lieti della collaborazione con Rse, un ottimo esempio di sinergia virtuosa tra mondo della ricerca, mondo accademico e mondo delle imprese su temi complessi ma cruciali per lo sviluppo di un settore (quello energetico) che ha un ruolo fondamentale nella crescita dell'economia del Paese”. “Il secondo step del Libro Bianco sull'accumulo realizzato per Anie Energia – ha commentato Stefano Besseghini, presidente e a.d. di Rse – mette in evidenza come i sistemi di accumulo siano entrati in una fase che possiamo definire di adolescenza. Un passaggio importante in cui è ormai prossimo il momento per questi sistemi di proporsi al sistema energetico consapevoli delle proprie potenzialità ma anche dei propri limiti. Abbiamo valutato, insieme ad altri operatori del settore, l'evoluzione tecnica, normativa ed economica per cercare di tracciare una traiettoria tecnologica credibile e, soprattutto, per comprendere quali ambiti potranno per primi offrire concreti ambiti di applicazione. È emersa chiaramente la progressiva diminuzione del gap fra i costi di installazione di sistemi di accumulo e i tempi di recupero degli investimenti. E questo lascia ben sperare per una definitiva affermazione di questa tecnologia”. Malgrado questo miglioramento i sistemi di accumulo, in molti casi, non appaiono ancora sostenibili con gli attuali meccanismi di mercato, in particolare per grandi sistemi da inserire in contesti industriali e per utenti dotati esclusivamente di impianti fotovoltaici. Il traguardo risulta invece essere più vicino se si considerano sistemi “virtuali” nei quali batterie diffuse fra molti utenti sono messe in comune a formare un sistema aggregato più economico e vantaggioso. Una sorta di “shared storage” che potrebbe essere la porta di ingresso al sistema elettrico. Analogamente inizia ad avvicinarsi il momento nel quale un possibile distacco dalla rete per utenti che abbinino sistemi di accumulo all'autoproduzione possa considerarsi favorevole per l'utente stesso. I sistemi di accumulo, conclude la nota, “risultano altresì convenienti nelle realtà delle piccole isole, non servite dalla rete elettrica nazionale, dove le fonti rinnovabili sono concorrenziali rispetto all'attuale produzione. Nei due esempi presi in considerazione nel Libro Bianco (quelli di Ustica e Ventotene) i dati emersi dalle simulazioni permettono di evidenziare l'economicità dell'installazione di sistemi di generazione fotovoltaica abbinati, come nel caso di Ventotene dove è in corso una sperimentazione, a sistemi di accumulo elettrochimico. Questo ha dimostrato una riduzione dei consumi di combustibile e dei costi di manutenzione grazie all'ottimizzazione dell'efficienza media di generazione dei motori che, grazie all'accumulo, possono funzionare sempre nella fascia alta di carico o, in alternativa, rimanere spenti”.