Progetto Europeo GuarantEE: primo workshop europeo per facilitatori EPC

Progetto Europeo GuarantEE: primo workshop europeo per facilitatori EPC

La figura professionale del facilitatore EPC al centro del Progetto Europeo GuarantEE

Favorire in tutta Europa l’utilizzo dei contratti di prestazione energetica (EPC- Energy Performance Contract) nel settore pubblico e privato: è questo l’obiettivo del progetto GuarantEE - Energy Efficiency with performance Guarantees in private and public sector, finanziato nell’ambito del programma Horizon 2020, che vede l’ENEA in partnership con altri 13 paesi europei.

In questo modo il progetto GuarantEE, partito lo scorso anno, vuole dare impulso e diffondere sul mercato, anche attraverso le società di servizi energetici (ESCO), uno strumento dalle grandi potenzialità che negli interventi di riqualificazione energetica consente di garantire al cliente risparmi energetici ed economici, di finanziare gli investimenti tramite i risparmi energetici che si verranno ad ottenere e di farsi carico dei rischi.  

In questo ambito  sono  tre i principali settori di intervento del progetto:  

  • sviluppare soluzioni EPC innovative anche per gli edifici in affitto
  • rendere le clausole contrattuali degli  EPC più flessibili in modo da risultare più attrattivi  per i clienti  privati
  • avviare alcuni progetti pilota che coinvolgano  le nuove  figure  professionali  dei  facilitatori.

La figura del facilitatore EPC

Proprio la valorizzazione della figura del facilitatore - che può essere solo una persona fisica con esclusione dunque di società di consulenza - è uno degli elementi caratterizzanti di GuarantEE: infatti essa è ritenuta essenziale per favorire la diffusione dei contratti di performance energetica sia nel pubblico che nel privato, vero trait d’union fra tutti gli attori coinvolti negli interventi di riqualificazione energetica.

Si tratta di un professionistaindipendente che sostiene il cliente in tutte le fasi necessarie per realizzare un progetto EPC di successo e che soprattutto viene a creare un clima di reciproca fiducia operando da mediatore tra le esigenze dei clienti e quelle della ESCO, in modo da assicurare il ritorno dell’investimento nei tempi prestabiliti e i vantaggi energetici ed economici nel medio e lungo  periodo per entrambe le parti.

È evidente come la possibilità per il cliente di avere come riferimento un’unica figura che, coadiuvata eventualmente da un team, possa dare tutte le informazioni tecniche, finanziarie e legali relative al contratto da sottoscrivere con la ESCO, possa  persuadere molti più interessati ad attuare le misure di miglioramento energetico previste dalla direttiva europea 2012/27/UE e dal decreto legislativo 102 del 2014.

Le principali attività dei facilitatori EPC, che riguardano tutto l’iter del progetto, possono essere così sintetizzate:

  • Sviluppo del progetto: analisi tecnica e finanziaria di massima, coinvolgimento degli stakeholder, analisi di fattibilità tecnica finanziaria organizzativa e giuridica, modelli di business.
  • Ricerca del contraente: consulenza nella scelta della procedura d’appalto, nella qualificazione e selezione ESCO, nella stesura documentazione di gara e supporto nella selezione della migliore offerta.
  • Realizzazione: rappresentanza del cliente e supervisione nell’attuazione del progetto e gestione delle modifiche in corso d’opera.
  • Monitoraggio: procedure per la misura e verifica dei risparmi, mediazione con ESCO.

Il primo workshop europeo per facilitatori

Ad Amsterdam dal 10 al 12 aprile 2017, durante una riunione  dei  14 partner  europei  del progetto, si è svolto un primo workshop per facilitatori EPC. 

Per l’Italia erano presenti tre facilitatori che hanno sottoscritto una cosiddetta self-declaration” con i seguenti punti:

  • Sostenere e rispettare i criteri di garanzia dei facilitatori EPC
  • Sostenere e aderire al Codice di Autodisciplina Trasparente
  • Conoscere la linea guida per i Facilitatori dell'ISEE 2020 EPC e operare secondo questi principi
  • Dichiarazione d'intenti per sviluppare continuamente le competenze EPC
  • Rendere disponibile il proprio curriculum con i seguenti elementi:
    • Informazioni sui contatti
    • formazione professionale e la competenza
    • progetti EPC realizzati, con riferimenti e link
    • in alternativa: rilevanti EPC completati

Prossimamente on line sul sito del progetto un “questionario” per gli interessati agli interventi di riqualificazione energetica 

Per dare ai potenziali clienti indicazioni sull’opportunità o meno di fare un contratto di prestazione energetica con una ESCO, a breve sarà disponibile sul sito di progetto (http://guarantee-project.eu) un questionario online, chiamato “pre-Check”.

Il questionariopermetterà ai potenziali clienti non solo di capire se per il proprio immobile è fattibile il ricorso a progetti EPC, ma anche di essere messi in contatto con dei facilitatori qualificati secondo schemi definiti a livello europeo e/o nazionale e in grado di interpretare in maniera ottimale i bisogni del cliente.    

Il pre-check è composto di un set di 14 domande:

  • Motivi per la richiesta di riqualificazione
  • Tipologia dell’edificio da riqualificare
  • Costo annuale di energia
  • Condizione dell’edificio
  • Tipo di proprietà
  • Disponibilità di studi sui consumi
  • Competenze tecniche presenti
  • Modalità di svolgimento delle manutenzioni
  • Presenza di eventuali soggetti esterni utilizzati per la gestione e/o manutenzione dell’edificio
  • Monitoraggio delle prestazioni dell’edificio
  • Interesse alla garanzia dei risultati
  • Accessibilità a finanziamenti
  • Eventuale disponibilità interna di finanziamenti
  • Se viene considerato un valore aggiunto la presenza di una ESCO

Una volta che il potenziale cliente ha risposto al questionario riceverà un report  con l’indicazione  dell’opportunità o meno di intervenire con un EPC. In più il sistema viene a fornire l’elenco dei facilitatori che potrebbero essere contattati  per avviare la fase d’intermediazione tra il proprietario dell’immobile e la ESCO.

 website: http://guarantee-project.eu/it

per info: giulia.centi@enea.it