Povertà energetica: ENEA presenta le raccomandazioni della Rete Europea delle Agenzie Energetiche

pubblicato il 6 marzo 2019
Povertà energetica: ENEA presenta le raccomandazioni della Rete Europea delle Agenzie Energetiche

Si è conclusa ufficialmente a febbraio la presidenza ENEA di EnR, European Energy Network, la rete volontaria delle Agenzie Energetiche Nazionali dei Paesi dell’Unione Europea, che hanno competenza istituzionale nella definizione e realizzazione di programmi, sviluppo di tecnologie e diffusione di buone pratiche relative a efficienza energetica, fonti rinnovabili e contrasto al cambiamento climatico.
ENEA ha dedicato il periodo di presidenza al problema della povertà energetica, costituendo una task-force che continuerà a lavorare anche nel 2019.
È stato redatto un position paper che illustra un’interessante indagine condotta nei diversi paesi, su definizione, misurazione, dati e politiche in atto sulla povertà energetica.  Il documento presenta, inoltre, una serie di raccomandazioni elaborate da ENEA su priorità, metodologie e governance del problema.
Il position paper è stato presentato dalla d.ssa Chiara Martini a Berlino lo scorso 13 febbraio, e la dott.ssa Anna Amato lo presenterà alla  riunione della Concerted Action  in programma a Helsinki il  prossimo 19 marzo.
Nelle raccomandazioni finali sottoposte all’attenzione della Commissione Europea, il documento auspica l’adozione di una misurazione del fenomeno che sia condivisa a livello europeo, seppure accompagnata da indicatori specifici per paese; raccomanda l’attenzione alla dimensione locale del problema e alla valutazione della distribuzione dei costi delle misure finalizzate al raggiungimento degli obiettivi a lungo termine. Si sottolinea, ancora una volta, l’importanza delle attività di sensibilizzazione, informazione e formazione. 
L’Agenzia Nazionale di Efficienza Energetica può svolgere un ruolo fondamentale nel contrasto alla povertà energetica, contribuendo al monitoraggio del problema e alla pianificazione di soluzioni a lungo termine. A tal proposito, il Presidente di ENEA, il prof. Testa, ha accettato di aderire alla costituzione dell’Osservatorio Italiano sulla Povertà Energetica, attraverso la partecipazione di esperti ENEA.